Il Barocco romano

Il Barocco romano: tra naturalismo, illusionismo e classicismo.

L'Associazione Culturale Archimede organizza un corso sul Barocco romano rivisitato in tutte le sue componenti storico – artistiche – architettoniche e pittoriche, articolato in 10 incontri, della durata di circa 90 minuti l'una e 4 visite guidate inerenti agli argomenti trattati.

Il Corso, tenuto dalla Dall’architetto Paola Ragozzino corredato da materiale di sostegno, avrà cadenza quindicinale e si svolgerà il Mercoledì alle 17,30 non appena si avrà un numero di almeno 15 partecipanti.

Il costo totale dell'iniziativa non comprensivo di eventuali biglietti di ingresso o mezzi di trasporto in caso di escursioni fuori Roma è di € 140,00 da versare il giorno in cui si terrà la prima lezione.



PROGRAMMA DEL CORSO

 

  1. Roma - da Sisto V a Paolo V. Un’analisi della situazione storico-artistica e culturale romana a cavallo tra 500 e 600. Il piano di rinnovamento urbanistico di Papa Sisto V. La conclusione della costruzione della cupola di S. Pietro. Il passaggio dal Rinascimento alla Roma “moderna” in ville e palazzi. Gli edifici di culto tra tradizione e rinnovamento.

  2. Il rinnovamento della pittura tra la fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo. Il classicismo di Annibale Carracci e il naturalismo di Caravaggio. La sfera d’influenza di Caravaggio: gli sviluppi del naturalismo. L’Accademia bolognese degl’Incamminati. Gli emiliani a Roma: da Guido Reni a Domenichino. L’arrivo di Pieter Paul Rubens in Italia.

  3. La scultura dalla fine del Cinquecento alla prima affermazione di Gian Lorenzo Bernini. Stefano Maderno, Camillo Mariani, Pietro Bernini e Francesco Mochi. Le opere giovanili di Gian Lorenzo Bernini per Scipione Borghese.

  4. Il Caravaggio: le opere degli ultimi anni. La seconda fase del caravaggismo.

  5. Barocco: etimologia di un termine. Analisi dell’adozione del termine “barocco” in storiografia e delle caratteristiche del fenomeno culturale denominato “barocco” evidenziate dalla critica d’arte settecentesca (Quatremère de Quincy e Milizia). Analisi dei fenomeni letterari “barocchi” (Cavalier Marino). Rivolgimenti culturali tra Controriforma e Barocco.

  6. La Roma dei Barberini. Spazialità barocca e grande decorazione. Gian Lorenzo Bernini. Pietro da Cortona. Francesco Borromini. La linea del classicismo: Nicolas Poussini e Guercino.

  7. Tendenze della scultura e dell’architettura a Roma tra XVII e XVIII secolo. Gian Lorenzo Bernini in San Pietro. Alessandro Algardi e François Dusquenois. Il Palazzo dei Barberini in Roma. Committenza gesuita e arte barocca: il Gesù e Sant’Ignazio. La Chiesa Nuova e l’Oratorio dei Filippini.

  8. Roma nella seconda metà del secolo. Il papato Pamphili. Piazza Navona. Gli anni di Alessandro VII Chigi. “Il fin la maraviglia”: le feste romane.

  9. Artisti, mecenati e mercanti. Dal grande mecenatismo al nuovo pubblico dell’arte tra XVII e XVIII secolo. Il mercato dell’arte: mercanti e conoscitori. La condizione dell’artista. L’arte italiana nel mercato europeo. Teoria accademica e gerarchia dei generi (Lebrun, Fréart de Chambray e Félibien).

  10. Roma tra tardo Barocco e Rococò. La Fontana di Trevi di Niccolò Salvi. La facciata di San Giovanni in Laterano di Alessandro Galilei. La facciata di Santa Maria Maggiore di Ferdinando Fuga. La Scalinata di Piazza di Spagna di Francesco De Sanctis.

 

VISITE GUIDATE

- La chiesa di Santa Bibiana

- La Galleria d’arte antica a Palazzo Barberini

- Il Gesù e Sant’Ignazio

- La Pinacoteca Capitolina